“Il Museo sei tu!


Non aspettatevi il classico museo con belle cose dimenticate tra quattro mura.
Un museo di comunità è un insieme di luoghi e di testimonianze da scoprire e conoscere: comprende musei tradizionali ma anche EcoMusei (aree geografiche considerate come giacimenti culturali), luoghi naturali, punti di incontro, luoghi di culto, sentieri di montagna, coltivazioni tradizionali, banche di informazione digitali, antichi saperi….

Nel nostro caso, siamo anche una comunità di musei: siamo il punto di una rete che a livello lombardo aiuta musei, enti e istituzioni culturali a animarsi, trovare finanziamenti, migliorare le potenzialità turistiche.

Per noi i musei devono essere beni comuni aperti a tutti e in continua evoluzione, capaci di stimolare la partecipazione e il senso di appartenenza, per raccogliere e raccontare l’immaginario e i desideri delle comunità locali.

Per chi

Per chi si prende cura di un museo e lo vuole aperto ed animato

Amministrazioni locali, proprietari e/o gestori di Musei, EcoMusei, prevalentemente in Lombardia.

  1.  risorse, competenze ed opportunità di cofinanziamento;
  2. metodi e processi di partecipazione per le comunità locali, per facilitare l’affezione per la vita del museo;
  3. tecniche e collaborazioni per di attivare connessioni col turismo locale e promuovere altre eccellenze di un territorio quando sono poco conosciute.

Per chi ama il proprio territorio e ha voglia di raccontarlo

Associazioni, gruppi informali, giovani, anziani, scuole e studenti: a chiunque, di ogni età e origine, abiti vicino ai musei 

  1.  lo accompagnamo nel percorso di “museo di comunità”;
  2. gli offriamo la possibilità di partecipare a iniziative culturali con le quali esprimersi e raccontarsi.

Per chi desidera entrare in un museo e vivere un’esperienza nuova

Bambini, giovani, adulti, anziani, famiglie, insegnanti e studenti 

A loro, quando un museo diventa “di comunità” offriamo la visita del museo come un tuffo nel territorio, come un viaggio fatto di incontri e di emozioni, dove la scoperta e la conoscenza sono sempre nuove.

Perché è importante

A che bisogni risponde

I Musei sono ancora percepiti come luoghi statici dove si conserva ol passato.
È un’idea della cultura un po’ noiosa e pesante, lontana dai bisogni della comunità.
I rischi sono due:

  • la perdita del valore del patrimonio custodito, materiale e immateriale;
  • la perdita di senso e di identità, nei singoli individui e nelle comunità che restano orfane della propria cultura.

Serve dunque una narrazione viva che sappia restituire il piacere della cultura alla comunità e generare nuovi sensi.

Che desideri risveglia

Spazi in cui la cultura diventi sapere vivo, coinvolgente ed interrogante per la comunità di oggi.
Il Museo di Comunità è un modello: il singolo cittadino non è più solo fruitore, è anche promotore di percorsi di animazione culturale attraverso i molti saperi e linguaggi delle diverse generazioni e culture.

Come lo facciamo

Coinvolgiamo attivamente la comunità, soprattutto i giovani.
Con loro i musei si animano, i cittadini diventano protagonisti e generatori di senso.
Il museo trova un nuovo significato quando ne esprime i bisogni, racconta il territorio, esprime paure e aspettative. Organizziamo percorsi formativi sia sui temi dell’animazione e innovazione culturale che sui contenuti specifici del patrimonio dei musei.
Nei diversi territori si possono realizzare:

  • mappe di comunità;
  • animazioni nel museo guidate da gruppi di cittadini (o dai giovani stessi, debitamente supportati);
  • a realizzazione all’interno degli spazi del museo di eventi e mostre che permettano di “far parlare” ciò che il museo espone.

Per farlo usiamo diversi linguaggi (storico, narrativo, artistico, multimediale, poetico, fumettistico, scientifico…).

Il risultato cui tendiamo è un processo continuo e vivace, un continuo gioco di generazione di sensi e sguardi sul museo, in cui la comunità di oggi trovi uno spazio sincero in cui interrogarsi su bisogni, immaginario, paure, trasformazioni.
Oggi, nell’era digitale, gli unici materiali che possono tenere vivi i musei sono le esperienze, le emozioni e le concretezze che il digitale non può dare: altrimenti anche il reperto più bello, se ci limitiamo a spolverarlo, appare privo di senso.

Chi lo fa

La nostra maggiore forza è data dalle persone che ideano e realizzano i progetti di Liberi Sogni: siamo educatori, storici, sociologi, storici dell’arte, museologi, artisti di numerosi linguaggi espressivi ed altri ancora esperti in diverse discipline, tutti uniti dalla passione per una politica culturale innovativa che promuova la concezione dei musei come luoghi aperti, attuali, in movimento e partecipati dalle Comunita’ locali.

Informazioni pratiche

Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato.

Hai in gestione un museo e stai pensando di realizzare un progetto nuovo di coinvolgimento della comunità e ti piacerebbe sfruttare l’opportunità del co-finanziamento offerto dal nostro progetto “museo di comunità” ? (co-finanziamento attivo fino a dicembre 2020)
Contattaci a museodicomunita@liberisogni.org / 335 1989017 (lun – ven: 9-13 e 14-18).
Capiremo insieme come calibrare un percorso di partecipazione al progetto sulla base degli obiettivi, delle intenzioni, del tempo e delle forze disponibili.

Sperimentazioni attualmente in corso :

  • Collezione museale di fossili di Luigi Torri di Caprino Bergamasco
  • Piccolo museo della vita contadina di Bulciago
  • Musei della Comunità Montana Valsassina Valvarrone Val d’Esino e Riviera 

Contatti

museodicomunita@liberisogni.org / 335 1989017 (lun – ven: 9-13 e 14-18)