Come stanno i bambini? Di cosa hanno bisogno? Che cosa sognano? Com’è cambiata la loro relazione con la natura durante e dopo il lockdown?

Il progetto “EsplorAzioni a Caprino Bergamasco” parte proprio da queste domande fondamentali: coi bambini e le bambine di Caprino abbiamo organizzato un centro estivo tutto dedicato alla scoperta del territorio e della natura circostante.

Un’esperienza che ha avuto come esito la mostra “Arda Ché! Guarda qui! La natura a Caprino Bergamasco vista con gli occhi dei bambini”, presso la sala civica del Comune di Caprino Bergamasco, proprio di fianco al Museo geologico Luigi Torri.

Al visitatore si chiede di sospendere il giudizio e di mettersi in ascolto dei bambini, dei loro sogni e bisogni, in un contesto storico e sociale che ci costringe collettivamente a ripensare la nostra relazione con gli altri, con gli animali e coi boschi, con i luoghi della natura e quelli del cuore.

Attorno alla mostra temporanea abbiamo allestito un ricco calendario di eventi: una tavola rotonda sul tema “bambini e natura dopo il lockdown” con Stefano Laffi e Mao Fusina, incontri e visite guidate con pedagoghi, sociologi e ricercatori dell’Università di Milano, esperti ricercatori in ambito culturale e ambientale, laboratori didattici e ludici per bambini e famiglie.

Per tornare a ripensare il museo come uno spazio cultura vivo, attraversato da bambini e famiglie, capace di reinterpretare il presente con uno sguardo sempre rivolto al futuro.